Come scrivere un profilo aziendale in 10 semplici passaggi

Pubblicato: 2022-01-12

Questo articolo contiene link di affiliazione. Se utilizzi questi link per acquistare qualcosa, potremmo guadagnare una commissione.


Che tu possieda una piccola startup o un conglomerato globale, avere un profilo aziendale è un must. Tuttavia, ciò che consideri interessante potrebbe essere un vero e proprio sonnellino per il lettore, facendoti perdere l'occasione di commercializzare con successo il tuo marchio.

Se vuoi assicurarti di avere tutte le informazioni corrette per invogliare il tuo lettore, devi capovolgere il tradizionale profilo aziendale e considerare ciò che il tuo pubblico vuole sapere sulla tua azienda.

Per aiutarti a farlo, abbiamo delineato i passaggi più critici che devi seguire per creare un profilo aziendale accattivante.

Passaggi per scrivere un profilo aziendale

1. Identificare lo scopo del profilo

Le aziende utilizzano i profili aziendali per diversi scenari, inclusi siti Web aziendali, portafogli commerciali e piani di investimento. Quindi, prima ancora di mettere penna su carta, è fondamentale identificare lo scopo del profilo. Non preoccuparti: puoi adattarlo in una fase successiva, se necessario!

Diciamo che il tuo profilo è pensato per andare sul sito web della tua attività. Crea un elenco di punti sui quali i tuoi lettori vorrebbero leggere riguardo alla tua attività e crea una struttura per i tuoi contenuti. Dovresti anche assicurarti che il tono del contenuto corrisponda al tuo pubblico di destinazione. Ad esempio, non vuoi farlo sembrare soffocante bombardando una sequenza temporale di fatti perché, francamente, a nessuno importerà (a parte te, ovviamente)!

2. Decidi uno stile

Ora che hai stabilito che tipo di tono dovresti impostare per il tuo profilo, è il momento di identificare come presenterai queste informazioni. Vuoi uno stile tipico suddiviso in diverse sezioni o lo vuoi presentato sotto forma di una sequenza temporale? Alcune aziende scelgono persino di raccontare la loro storia attraverso un approccio più visivo, come Philips.

Detto questo, non dovresti aver paura di essere diverso e di allontanarti dalla norma, purché sia ​​compatibile con il tuo marchio e il tuo settore. Ad esempio, se sei una società di contabilità, probabilmente sarebbe meglio attenersi al formato tradizionale, inclusi i dettagli dei recenti premi e risultati.

3. Racconta una storia

Quando stai cercando di incoraggiare le persone a prestare attenzione alla tua attività, devi creare una storia accattivante. Non serve semplicemente elencare date e cifre; devi assicurarti che il tuo lettore sia a bordo mentre lo guida attraverso la storia della tua azienda.

Che tu abbia iniziato lavorando in un chiosco di limonate o sia cresciuto nell'azienda di famiglia, il modo in cui racconti la tua storia è la parte più importante. Dopotutto, la storia non di tutti sarà emozionante come l'altra.

Dai un'occhiata alla versione di Zappos per trovare ispirazione, poiché questo famoso marchio ha imparato l'arte della narrazione.

4. Delinea la tua dichiarazione di intenti

Se non hai già una dichiarazione di intenti, è tempo di scendere al nocciolo delle cose e scrivere una dichiarazione accattivante sui valori, l'etica e la nicchia della tua attività. Devi informare i tuoi lettori su cosa offri e su come prevedi di crescere come azienda, dicendo loro essenzialmente perché dovrebbero scegliere te rispetto a un concorrente.

Ad esempio, la dichiarazione di intenti della Disney ti incoraggia a credere che ti forniranno l'esperienza di intrattenimento più creativa del mondo:

'La missione di The Walt Disney Company è quella di essere uno dei principali produttori e fornitori mondiali di intrattenimento e informazioni. Utilizzando il nostro portafoglio di marchi per differenziare i nostri contenuti, servizi e prodotti di consumo, cerchiamo di sviluppare le esperienze di intrattenimento e i prodotti correlati più creativi, innovativi e redditizi al mondo.'

5. Mantieni un formato coerente per tutto il tempo

Alcune anime creative possono dare libero sfogo alla loro immaginazione quando si tratta di scrivere il proprio profilo aziendale. Quindi, se ti capita di essere una di quelle persone, ascolta attentamente i seguenti consigli!

Devi assicurarti che il tuo formato sia coerente. Ad esempio, utilizza lo stesso tipo di carattere e dimensione all'interno del corpo del testo e delle intestazioni. Non sopraffare il tuo profilo con elementi visivi irrilevanti e colori stravaganti. Attenersi a quelli che sono in linea con il resto del tuo marchio.

Ad esempio, qui a CareerAddict, abbiamo caratteri e colori specifici (nero e arancione), che vengono trasferiti in tutti i nostri materiali, compresi i nostri canali di social media.

6. Scrivi la storia dell'azienda in ordine cronologico

Saltare dal passato al presente e tornare indietro non farà altro che confondere il lettore, motivo per cui è necessario elencare la storia dell'azienda in ordine cronologico. Se questo viene fatto sotto forma di una sequenza temporale o di paragrafi dipende interamente da te. L'importante è assicurarsi che scorra e che abbia senso per il lettore.

Quando lo si fa, è essenziale non impantanarsi in troppi dettagli. Invece, dovresti elencare i risultati chiave per mostrare come la tua azienda è arrivata dove è oggi. Se sei una piccola impresa, puoi scrivere informazioni sull'istituzione e lo sviluppo del marchio.

7. Includi testimonianze

Una buona testimonianza può aggiungere valore al tuo marchio fornendo ai potenziali clienti il ​​feedback di un altro cliente.

In un'azienda B2B, le testimonianze dei tuoi più grandi clienti sono l'ideale. In un'organizzazione B2C, d'altra parte, le citazioni brevi con feedback che si collegano ai tuoi valori sono le migliori. Vuoi colpire il lettore con un feedback reale senza sembrare troppo promozionale.

8. Includi le tue informazioni di contatto

Ora che hai eliminato le parti importanti, è il momento di aggiungere alcune informazioni utili! Se il tuo profilo aziendale deve essere utilizzato offline, assicurati di includere il tuo indirizzo, numero di telefono, e-mail e fax (se necessario) nella parte superiore del documento.

Nel frattempo, se il profilo della tua azienda è destinato a un sito Web o ad altri forum online, puoi semplicemente aggiungere le informazioni di contatto con collegamenti ipertestuali nella parte inferiore della pagina.

9. Aggiungi un invito all'azione

Se vuoi aggiungere quel tocco finale al tuo profilo aziendale (chi non lo fa?!), assicurati di terminare con un invito all'azione. Questo potrebbe essere qualcosa del tipo "Per saperne di più, visita il nostro sito Web" o "Per ulteriori informazioni, contattaci".

In sostanza, dovresti lasciare al lettore alcuni spunti di riflessione e un modo per trovare le risposte alle loro domande.

10. Rileggi, rileggi, rileggi

Infine, è fondamentale rileggere il tuo profilo aziendale per assicurarti che non ci siano errori. Dopotutto, è uno degli scritti più importanti legati alla tua attività!

Spesso è facile perdere piccoli errori quando fissi lo stesso pezzo di testo per ore e ore, motivo per cui dovresti avere un paio di occhi in più per leggerlo.

E non dimenticare di aggiornare regolarmente il tuo profilo aziendale! Molti imprenditori scrivono il loro profilo una volta e se ne dimenticano un anno dopo. Per assicurarti di non fare lo stesso, aggiungi un promemoria annuale del calendario in cui metti da parte del tempo per aggiornare il tuo profilo per rimanere in linea con il modo in cui la tua attività si sta espandendo.

Esempi di profili aziendali

1. Starbucks

Profilo aziendale di Starbucks Starbucks

Questo è un ottimo esempio di come dovrebbe essere un profilo aziendale. Starbucks si apre con una breve storia di dove è iniziato il marchio e di come si è evoluto nel corso degli anni. Include anche la sua missione di fiducia per garantire che tutti i dipendenti e i clienti possano relazionarsi con l'etica di Starbucks.

Il marchio del caffè riesce a distinguersi dalla massa con un'identità e un obiettivo di marca potenti, che è evidenziato in questo profilo aziendale. "La nostra missione: ispirare e nutrire lo spirito umano" - e lo fanno attraverso vari schemi di branding e filantropici. Vanno oltre la normale caffetteria e si sono affermati come un luogo che riunisce persone di tutte le età, nazionalità e background diversi.

2. Nike

Profilo aziendale Nike Nike

Nike fa un lavoro perfetto nel dimostrare di essere un marchio inclusivo all'interno del loro profilo aziendale. Dal momento in cui apri la loro pagina, puoi vedere che Nike è ben oltre una generica azienda di abbigliamento sportivo. Vogliono che i loro clienti si sentano parte di una comunità quando indossano uno dei loro prodotti.

Inoltre, sottolineano molto presto il fatto che sono un datore di lavoro inclusivo con un team diversificato e mostrano che restituiscono alla loro comunità attraverso il lavoro di beneficenza. Lavorare per Nike è come entrare a far parte di una grande famiglia con una missione forte, qualcosa in cui ogni dipendente sarebbe ansioso di essere coinvolto.

3. Zappo

Profilo aziendale di Zappos Zappo

Come Starbucks, Zappos inizia il proprio profilo aziendale condividendo la storia di dove hanno iniziato e come si sono evoluti nel corso degli anni. La loro storia da sola è fonte di ispirazione per chiunque abbia il sogno di costruire qualcosa di proprio.

Con le loro sezioni dedicate, Zappos identifica chi sono come marchio, il loro motto e perché la cultura aziendale è in prima linea in tutto ciò che fanno. Dimostrano di essere molto più di un negozio di eCommerce e sono più di una comunità online di cui tutti dovrebbero far parte.

Pensieri finali

Seguendo questi semplici suggerimenti e gli esempi sopra elencati, ti assicurerai che il profilo della tua azienda si leghi alla tua strategia di branding, aiutandoti a comunicare l'etica della tua attività e, in definitiva, attirando nuovi clienti e potenziali dipendenti.

Hai qualche consiglio aggiuntivo sulla creazione di un ottimo profilo aziendale? Fatecelo sapere nella sezione commenti qui sotto!

Questo articolo è una versione aggiornata di un precedente articolo pubblicato il 2 novembre 2018.